Cina, uomo accoltella e uccide 4 alunni delle elementari

La polizia ha rinvenuto la moto del sospetto, è iniziata la caccia all'uomo

Nuova strage di innocenti nella contea di Lingshan, Cina meridionale, a meno di un mese dall'ultimo episodio. Un uomo di mezza età ha intercettato 4 alunni delle elementari sulla strada che conduce alla scuola e li ha aggrediti a colpi di coltello.

Tre di loro sono deceduti immediatamente, uno invece è morto in ospedale dopo gli inutili soccorsi medici. I bambini avevano un'età compresa tra gli 8 e gli 11 anni.  Sulla testa dello squilibrato, fuggito a bordo di una moto dopo il massacro,  è stata posta dalla polizia locale una taglia di 20.000 yuan (3.260 dollari). Le autorità, infatti, hanno già identificato il presunto colpevole: si tratta di Shi Jianting, 56 anni.

Secondo quando riferito dalla China Central Television,  i poliziotti del dipartimento di Lingshan hanno ritrovato la moto del sospetto abbandonato su una collina vicino alla scuola. Pare che vicino al veicolo sia stato rinvenuto il corpo senza testa di un giovane: per l'emittente televisiva le autorità pensano appartenga ad un'altra vittima dell'indagato. La caccia all'uomo continuerà nei villaggi vicini per tutta la giornata.

Quello della regione meridionale delle Cina è solo l'ultimo degli attacchi contro le scuole del paese. Gli episodi in crescita hanno messo in allarme i genitori, che chiedono al Governo l'approvazione urgente di misure per migliorare la sicurezza nelle strutture scolastiche.  L'attentato più clamoroso risale al dicembre 2012 quando un pazzo fece irruzione in una scuola elementare nella provincia centrale di Henan ferendo con una mannaia 23 bambini.

stragebimbicina

  • shares
  • Mail