Adesca minorenne sul web: 44enne arrestato a Messina

Ha adescato il minore su Facebook promettendogli una somma di denaro in cambio di "massaggi".

Un uomo di 44 anni di Messina è finito in manette oggi per le accuse di violenza sessuale e prostituzione minorile.

L'arresto è stato eseguito nella città dello Stretto dalla polizia secondo cui l'uomo ha adescato un ragazzo di 17 anni su Facebook dicendogli che gli avrebbe dato una somma di denaro pari a 25 euro in cambio di "massaggi".

L'arrestato con questa promessa sarebbe riuscito poco dopo a incontrare il minorenne sotto casa di quest'ultimo. Una volta giunto lì, l'uomo si sarebbe spacciato per un appartenente alle forze dell'ordine, conquistando così la fiducia del 17enne.

A quel punto l'uomo con la scusa del massaggio si sarebbe appartato nei locali del pianterreno dello stabile in cui il ragazzo abita.

Dopo aver subito i primi palpeggianti il giovane, capite le reali intenzioni di chi aveva davanti, ha provato a scappare: arrivato alla porta che dal piano terra porta al primo piano il minore si è però accorto che era chiusa.

Vistosi in trappola il giovane non ha potuto fare altro che gridare con quanto fiato aveva per chiedere aiuto attirando per fortuna l'attenzione di suo padre e di un vino di casa che sono prontamente intervenuti bloccando il 44enne. Questi avrebbe provato a giustificarsi dicendo che si trovava lì in quanto contattato dal minorenne per la vendita di alcuni giochi elettronici.

Dopo l'arrivo degli agenti che hanno raccolto le testimonianze della vittima, del genitore e ricostruito i fatti l'uomo è stato arrestato e tradotto in carcere.

 squillo

  • shares
  • Mail