Venezia, sgominata banda di albanesi specializzati in rapine in villa

Compivano azioni criminali fin dal 2010.

Ci sono voluti anni per acciuffarli, ma finalmente questa mattina i carabinieri del comando provinciale di Venezia hanno eseguito alcune misure cautelari in carcere e decine di perquisizioni domiciliari sgominando un'organizzazione criminale che fin dal 2010 compiva rapine, soprattutto in ville.

Per individuare i membri della presunta banda, tutti cittadini albanesi, è servito anche l'aiuto dei Ris di Parma, che hanno analizzato scientificamente alcuni reperti che sono stati trovati sui luoghi in cui sono avvenute le rapine.

L'indagine è stata condotta dal nucleo investigativo dei carabinieri lagunari e i provvedimenti sono stati firmati dal giudice per le indagini preliminari su richiesta della Procura di Venezia.

Dall'inchiesta è emerso che i membri della presunta banda compivano azioni criminali fin dal 2010. Ora i reati contestati sono di concorso di rapina aggravata, sequestro di persone, detenzione e porto illegale di armi.

Il motivo per cui tra le accuse c'è anche il sequestro di persona è dovuto al fatto che i rapinatori si intrufolavano nelle ville anche quando i padroni di casa erano presenti e si facevano dare soldi e oggetti preziosi minacciandoli con le armi che detenevano illegalmente. In quattro anni numerose famiglie nel Veneto sono state rapinate con queste modalità anche se i dettagli dell'operazione dei carabinieri devono ancora essere svelati.

I carabinieri hanno agito tra la notte di domenica 21 e l'alba di lunedì 21 settembre quando hanno avuto elementi sufficienti per poter procedere alle perquisizioni e alle misure cautelati in carcere.

Sgominanta banda di rapinatori albanesi in Veneto

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail