Milano, omicidio di Riccardo Rossi: arrestata la moglie Lucia Fiore

L'autopsia chiarì subito che si trattò di omicidio. Oggi, sette mesi dopo il delitto, la moglie dell'uomo è finita in carcere con l'accusa di omicidio.

cadavere-Trezzano

17 aprile 2015 - Sono passati sette mesi dall’omicidio di Riccardo Rossi, tassista di 57 anni trovato cadavere nel settembre dello scorso anno a Trezzano sul Naviglio, e in queste ore gli inquirenti hanno eseguito il primo arresto.

La moglie dell’uomo, Lucia Fiore, incensurata di 53 anni, è finita in manette con l’accusa di aver ucciso il consorte e di essersi liberata del cadavere nascondendolo in un grosso borsone nero e scaricandolo lungo la pista ciclabile che costeggia la Nuova Vigevanese.

La donna era finita nel mirino degli inquirenti fin dai primi istanti dopo il ritrovamento del corpo. Lei provò in un primo momento a dichiararsi estranea ai fatti, poi fornì una versione giudicata dagli inquirenti poco credibile: raccontò che l’uomo era deceduto in seguito a un malore e lei a quel punto aveva deciso di disfarsi del cadavere.

L’autopsia, però, rivelò che l’uomo fu sedato con una dose massiccia di medicinali e infine soffocato. I motivi del delitto andrebbero ricercati nella malattia dell’uomo, affetto da schizofrenia.

Milano, trovato cadavere in strada. Gli inquirenti: “È stato lanciato da un’auto”

17.20 - È stato identificato il corpo rinvenuto sulle sponde del Naviglio Grande. Si tratta di un uomo di 50 anni, residente proprio a Trezzano. La moglie del deceduto è stata già interrogata, ma al momento non sarebbero emersi elementi utili a capire cosa sia accaduto.

L’autopsia è già stata disposta, mentre i carabinieri della Compagnia di Corsico vanno avanti con le indagini.

14.00 - È giallo a Trezzano sul Naviglio, alle porte di Milano, dove questa mattina il cadavere di un uomo dell’età apparente di 50 anni è stato rinvenuto sul ciglio della strada provinciale 494.

Sono pochi gli elementi emersi finora. Il cadavere, chiuso in un sacco nero, a una prima ispezione non presentava segni evidenti di violenza, ma sarà l’autopsia a fornire elementi utili agli inquirenti e fare chiarezza sull’accaduto.

I carabinieri giunti sul posto non hanno dubbi, il cadavere è stato fatto rotolare fuori da una vettura e non è escluso che le analisi dei filmati delle telecamere di sicurezza installate nell’area potrebbero fornire qualche dettaglio in più.

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail