Arezzo: donna scomparsa a maggio, tracce biologiche nella canonica

Donna scomparsa a maggio ad Arezzo, nei guai un religioso: nella canonica trovate forse macchie di sangue. Sequestrata una delle sue auto. Si teme l'omicidio.

Dallo scorso primo maggio non si hanno più notizie di Guerrina Piscaglia, 50 anni, sparita da Badia Tedalda, in provincia di Arezzo. Ma ora le indagini potrebbero essere a una svolta: nella canonica di Ca' Raffaello, infatti, i carabinieri avrebbero trovato alcune tracce biologiche, forse di sangue, che saranno messe a disposizione dei Ris.

I militari hanno effettuato dieci ore di controlli sia all'interno della canonica, sia in una vicina pieve e, tra gli oggetti sequestrati, ci sarebbe anche una coperta. Al momento,c'è una sola persona indagata per sequestro di persona, padre Gratien Alabi, che si troverebbe presso la sede perugina della congregazione africana a cui appartiene.

Stando ad altre indiscrezioni, in una valigia sarebbero stati ritrovati e sequestrati braccialetti, un assorbente e alcune foto tessera di donne. Gli inquirenti mantengono l'ipotesi dell'allontanamento volontario, ma il reato che si sta prefigurando va al di là del sequestro di persona a questo punto. Potrebbe comprendere anche la morte di Guerrina.

Le ricerche, finora, si sono concentrate nella canonica. Lunedì scorso, padre Gratien Alabi - che si occupava proprio della chiesa di Ca' Raffaello, si è presentato in procura, davanti al pm Marco Dioni, avvalendosi però della facoltà di non rispondere. Non ha quindi aggiunto particolari rispetto a quelli forniti nell'interrogatorio precedente. La procura di Arezzo ha posto sotto sequestro anche una delle auto del religioso.

Chiesa di Ca' Raffaello

  • shares
  • Mail