Belgio: stupratore seriale chiede e ottiene (dopo 4 anni) l'eutanasia

Stupratore seriale ottiene l'eutanasia dopo quattro anni di richieste: "Qualsiasi cosa abbia fatto, resto un essere umano. E voglio porre fine alle mie sofferenze psichiche indicibili".

A 30 anni dall'arresto e a quattro da quando chiedeva la dolce morte, uno stupratore seriale - il 52enne Frank Van Den Bleeken - ha finalmente ottenuto l'eutanasia. "Voglio porre fine alle sofferenze psichiche incredibili", queste le parole del violentatore e omicida reo confesso. Consapevole di essere un pericolo per la società, l'uomo non ha chiesto di essere scarcerato ed è uscito una volta sola dalla cella, per il funerale della madre.

"Sono un essere umano e, qualsiasi cosa io abbia fatto, resto un essere umano. Quindi, sì, datemi l'eutanasia", aveva detto Van Den Bleeken alla tv fiamminga. Una richiesta esplicita al governo: centro specializzato o eutanasia. L'uomo in un primo momento aveva chiesto al ministero della Giustizia del suo Paese, il Belgio, di essere trasferito in un centro di cura nei Paesi Bassi. Le autorità gli avevano negato il permesso di trasferirsi all'estero.

Gli avevano quindi chiesto di aspettare un anno, quando un centro di quel tipo sarebbe stato aperto anche in Belgio. Jos Vander Velpen, il legale dell'uomo, ha però spiegato che per il suo assistito 12 mesi di attesa sarebbero stati troppi. "Molti dottori e psichiatri hanno dichiarato che il mio cliente soffriva in modo continuo e che non c'era niente che potesse lenire le sue sofferenze". E' dunque arrivato il via libera all'eutanasia.

Van Den Bleeken saluterà la famiglia e poi, entro 48 ore, riceverà la dolce morte. In Belgio, è possibile richiedere l'eutanasia dal 2002; dallo scorso anno, possono esercitare tale diritto pure i bambini. Le persone che compiono questa scelta sono in aumento, tanto che i media definiscono ormai questo Paese come "Eutanasialand". Solo nel 2013, le richieste sono state oltre 1.800, il 27 per cento in più rispetto al 2012.

Frank Van Den Bleeken

  • shares
  • Mail