Arrestato Guccio Gucci, pronipote del fondatore della casa di moda

Guccio Gucci amministratore della società proprietaria del marchio "To be g", fallita nel 2013, avrebbe distratto dall'azienda beni mobili e immobili per circa 800.000 euro.

È stato arrestato oggi, con il beneficio dei domiciliari, Guccio Gucci, imprenditore fiorentino pronipote del fondatore della nota casa di alta moda e pelletteria di lusso, marchio tra i simboli dello stile italiano nel mondo, che fa parte oggi di Gucci Group, divisione della holding francese Kering.

Ad eseguire l'arresto è stata la Guardia di finanza che in una nota spiega che Guccio Gucci, amministratore di fatto della società Esperienza srl proprietaria del marchio "To be g", fallita nel dicembre del 2013, avrebbe distratto dall'azienda beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa 800.000 euro.

Gucci è stato quindi iscritto nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta, da cui dovrà ora difendersi. Brutto colpo per il nome della maison.

Le indagini sono state coordinate dal pubblico ministero di Firenze Christine Von Borries. Il gip accogliendo le richieste dell'accsusa ha disposto a carico di un'altra persona, amministratore di diritto della società e prestanome, la misura interdittiva del divieto temporaneo dell'esercizio di amministratore e degli uffici direttivi delle persone giuridiche.

(in aggiornamento)

HONG KONG-CHINA-LIFESTYLE-CORRUPTION-LUXURY

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail