Nuovo esame del DNA per Alberto Stasi, il legale: "è incompleto"

A Stasi è stato prelevato un tampone salivare per la comparazione con le tracce di cromosoma Y trovate sulle unghie della vittima.

AGGIORNAMENTO 11 settembre 2014 ore 14:30. L'avvocato Fabio Giarda, legale di Alberto Stasi, imputato nell'appello bis per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, dice oggi che:

"I 5 marcatori del Dna sono compatibili con Alberto Stasi ma potrebbero essere di chiunque. Al momento non è un dato significativo. Vedremo cosa verrà scritto nella perizia. Verificheremo in sede di deposito"

Giarda continua affermando che:

"I marcatori in totale sono 17, ma per una validità concreta ne servono almeno la metà più uno".

In sede processuale insomma la compatibilità non potrebbe essere provata scientificamente. In pratica non c’era abbastanza Dna nel materiale biologico trovato sui frammenti di due unghie di Chiara Poggi per poterlo comparare con quello di Alberto Stasi. Il nuovo esame del DNA a carico di Stasi è stato effettuato presso il dipartimento di Scienza e Salute dell'Università di Genova.

Delitto di Garlasco: nuovo esame del DNA per Alberto Stasi


8 settembre 2014. Alberto Stasi, imputato nel processo d'appello-bis per il delitto di Garlasco, l'omicidio dalla fidanzata Chiara Poggi, è stato sottoposto oggi al secondo prelievo del DNA dall'inizio delle indagini a suo carico.

Nel corso della riunione tra i periti nominati dai giudici e i consulenti delle parti che si è svolta stamattina a Genova Stasi si è lasciato sottoporre al tampone salivare per la comparazione con le tracce di cromosoma Y (quello maschile) trovate sulle unghie della vittima, uccisa a 26 anni il 13 agosto del 2007 nella villetta di famiglia a Garlasco (PV) mentre i genitori erano via per la vacanze estive.

Quando il 30 aprile scorso i giudici della seconda Corte d'assise d'appello di Milano hanno disposto un nuovo dibattimento - dopo che la Cassazione aveva annullato con rinvio la sentenza di assoluzione del secondo grado - hanno deciso anche nuovi accertamenti, nominando quattro periti per eseguire ulteriori esami.

Esami da cui sono emerse quelle tracce di cromosoma Y su dei frammenti di due unghie di Chiara. La probabile firma dell'assassino secondo gli inquirenti. Stasi si è sottoposto all'esame presso il dipartimento di Scienza e salute dell'università di Genova. I magistrati vogliono tracciare nuovamente il suo profilo genetico, cosa già fatta nei giorni successivi al delitto.

Solo dopo questo si potrà capire se è possibile effettuare una comparazione tra il DNA trovato sulle unghie di Chiara e quello di Alberto Stasi. I risultati dovrebbero essere disponibili non più tardi del 22 settembre.

Alberto Stasi

  • shares
  • Mail