Enna, picchia moglie e figli dopo la rottura del tablet: arrestato

L'uomo ha preso a calci i figli minori e la moglie, ora è agli arresti domiciliari in una sua casa di campagna, lontano dalla famiglia.

Un disoccupato di 44 anni residente a Troina, centro di circa 10mila abitanti nella provincia di Enna, è stato arrestato dai carabinieri dopo che per l'ennesima volta aveva picchiato moglie e figli, che hanno riportato contusioni e lesioni in varie parti del corpo.

A far scattare ancora una volta la violenza dell'uomo sarebbe stato il guasto del tablet che lui stava usando. Il genitore, dopo la rottura del dispositivo mobile, si sarebbe scagliato contro il figlio di 14 anni, spingendolo contro il muro e colpendolo alla testa con lo stesso tablet.

Il ragazzo si è così messo a urlare attirando l'attenzione del fratellino più piccolo e della madre ma l'uomo anziché fermarsi ha reagito prendendo a calci e percuotendo sia la consorte che i figli. La donna poco dopo è però riuscita a chiamare i carabinieri che intervenuti sul posto e raccolte le testimonianze delle vittime, hanno arrestato il marito-padre violento.

Secondo i militari dell'Arma il disoccupato picchiava e terrorizzava i familiari da anni, in casa vigeva un clima di costante tensione e paura. L'uomo si trova adesso agli arresti domiciliari in una sua casa di campagna, lontano da moglie e figli.

(Nel video in alto: Picchia la moglie incinta, in carcere - Taranto, gennaio 2014)

picchia moglie  figli

  • shares
  • Mail