Napoli: infermiere si suicida nel cortile del Cardarelli

L'uomo in un biglietto di scuse avrebbe scritto anche i motivi dell'estremo gesto.

Aggiornamento ore 19:10. "Era una brava persona, un uomo serio e onesto" dicono amici e colleghi dell'infermiere che si è ucciso nel piazzale dell'ex reparto pediatrico dell'ospedale Cardarelli. Il suicidio potrebbe essere avvenuto un paio di giorni fa ma il cadavere sarebbe stato ritrovato solo stamattina perché quell'area dismessa del nosocomio è isolata e di rado vi passa qualcuno. La macabra scoperta sarebbe stata fatta da un bambino che passeggiava con la madre in quella zona dell'ospedale. Il piccolo si sarebbe imbattuto nel corpo senza vita dell'uomo dopo essersi avvicinato a una giostrina collocata nel cortile dell'ex pediatria, reparto chiuso da anni. "Mamma quel signore dorme per terra?" avrebbe detto il bimbo: la corda di garza con cui l'infermiere si era impiccato aveva ceduto.

Dramma della disperazione a Napoli, dove un infermiere dell'ospedale Cardarelli si è tolto la vita nel giardino che si trova dietro l'ex reparto di pediatria.

A fare la tragica scoperta questa mattina sono stati alcuni dipendenti del nosocomio che immediatamente hanno chiamato il 113. Nessun dubbio che si tratti di suicidio.

Salvatore G., 59 anni, si sarebbe impiccato secondo le prime informazioni. Sul posto oltre agli agenti della polizia anche il medico legale che non ha potuto fare altro che confermare la morte dell'infermiere.

L'uomo, scrive Il Mattino, ha lasciato un biglietto di scuse in cui avrebbe scritto anche i motivi dell'estremo gesto, era pieno di debiti che non riusciva a ripagare.

(in aggiornamento)

ospedale-cardarelli-napoli

  • shares
  • Mail