Napoli: raffiche di kalashnikov contro la casa di ex affiliato a clan

Terrore in strada. Pioggia di piombo nei pressi del civico dove abita un ex affiliato al clan Mazzarella.

Raid dalla matrice intimidatoria e camorristica a Napoli dove nella zona di San Giovanni a Teduccio, nei pressi del civico 486, è stata esplosa una pioggia di pallottole partite da due armi da fuoco, tra cui un kalashnikov.

L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio: a quell'indirizzo secondo gli investigatori abita un pregiudicato, ex affiliato al clan Mazzarella, che in quel frangente si trovava in casa. Immediato l'allarme e l'arrivo della polizia che sul posto ha trovato più di trenta bossoli, sparati con la mitraglietta da guerra e con una pistola.

Ad agire secondo la ricostruzione degli investigatori sarebbero state sei persone in sella a tre moto e con il viso coperto da caschi integrali. Una telefonta giunta al 113 avrebbe avvisato gli agenti che hanno poi rinvenuto i bossoli da via Alveo Artificiale a largo Tartarone fino alle vicinanze del suddetto civico in cui abita il pregiudicato ex membro del clan Mazzarella.

Subito dopo sono partiti i controlli su vasta scala di presunti affiliati ai clan camorristici che spadroneggiano nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. Nella soffitta di uno stabile abbandonato i poliziotti hanno rinvenuto il kalashnikov usato e una trentina di colpi calibro 9 per pistola.

L'azione è avvenuta sotto gli occhi terrorizzati di automobilisti e passanti. Il gruppo di fuoco entrato in azione secondo chi indaga apparterrebbe al nuovo super clan divenuto egemone a San Giovanni a Teduccio, quello dei Formica-Rinaldi-Reale che avrebbe soppiantato il gruppo Mazzarella.

Omicidio via dei tribunali Napoli

  • shares
  • Mail