Gioia Tauro: sequestrati 21mila diari e giocattoli falsi

Se immessa sul mercato la merce contraffatta avrebbe prodotto guadagni per oltre 200mila euro.

Sono più di 21mila gli articoli e i giocattoli per bambini sequestrati questa mattina nel porto di Gioia Tauro (Reggio Calabria) dalla Guardia di finanza e al personale dell'Agenzia delle dogane.

Tra le merce sequestrata anche diari, astucci e altro materiale per scuola, e ancora maschere, palloni, peluche con marchi i contraffatti di Winnie the Pooh, Hello Kitty, Cars, Toy story.

Tutti i prodotti oggetto del sequestro erano stipati in un container arrivato nella scalo portuale dalla Cina. Se immessa sul mercato la merce a cui sono stati apposti i sigilli avrebbe prodotto guadagni per oltre 200mila euro secondo i calcoli della Gdf.

Contro tali fenomeni la Direzione generale per la lotta alla contraffazione (Ufficio italiano brevetti e marchi) del ministero dello Sviluppo economico si è fatta promotrice della campagna di informazione "Io sono originale" che ha come capofila le associazioni dei consumatori aderenti al Consiglio nazionale consumatori e utenti.

La contraffazione oltre a comportare ingenti danni all’economia del nostro Paese, bruciando tra l'altro posti di lavoro e alimentando spesso gli affari della mafie, può provocare problemi anche per la salute e la sicurezza delle persone, come ricorda Adiconsum.

(Nel video una alto: sequestrati 215 chili di coca nel porto di Gioia - aprile 2014)

ITALY-SYRIA-CHEMICAL-WEAPONS

  • shares
  • Mail