Cannibalismo in Papua Nuova Guinea: 29 arresti

Ventinove presunti membri di una setta dedita al cannibalismo sono stati arrestati in Papua Nuova Guinea, nel Pacifico. Sono accusati di aver ucciso almeno sette persone per cibarsi poi del loro cervello e di altre parti del corpo. Tra gli arrestati anche otto donne.

La stampa locale sottolinea che lo scopo dichiarato della setta, composta da un migliaio di persone in tutto, era quello di contrastare la stregoneria, la cattive pratiche e i rituali “magici” degli stregoni locali.

Uno degli arrestati ha detto: "Abbiamo mangiato il loro cervello crudo e abbiamo portato i pezzi dei loro corpi, fegato, cuore, pene e altri, alla hausman (casa tradizionale degli uomini) affinché i nostri capi creassero dei poteri che i membri avrebbero potuto usare”.

La scorsa settimana sempre in Papua Nuova Guinea c’erano stati altri arresti a carico di “cacciatori di streghe” accusati di essersi cibati delle loro vittime.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail