Padova, sesso con una minorenne: Alberto Micheletto condannato a 9 anni di carcere

Nove anni di carcere e una multa da 90 mila euro: è questa la sentenza emessa ieri al Tribunale di Padova nei confronti dell'ex guardia giurata Alberto Micheletto, 57 anni, condannato per i reati di violenza sessuale su minore e induzione alla prostituzione minorile.

La vicenda è iniziata nel 2007, quando la vittima aveva appena 13 anni e frequentava la terza media. Il primo incontro, secondo l'accusa, sarebbe avvenuto al bar Papete di Pozzetto, in provincia di Padova, quando Micheletto si sarebbe presentato come fotografo ed avrebbe proposto alla minorenne di posare per alcuni scatti. Scrive Il Mattino di Padova:

Anna si fa ritrarre completamente nuda, poi l’uomo inizia un progressivo “avvicinamento” fisico. Di lì a poco i rapporti sessuali saranno completi e ripresi con il cellulare e videocamere. Anna, però, non è l’unica “Lolita” di casa Micheletto. Ci sono pure altre ragazzine, che hanno scelto di non denunciare, riprese dall’imputato da sole o durante “giochi” di gruppo fra adolescenti. In cambio Anna riceve delle mance: 50 o 100 euro a seconda della tipologia della prestazione. In due occasioni, nell’estate 2008, è convinta a fare sesso con un cinese per 200 euro, mentre 50 euro sarebbero stati incassati da Micheletto.



La verità è emersa soltanto nel febbraio 2009, quando i genitori della giovane si accorgono che c'è qualcosa che non va nella figlia: i voti a scuola erano peggiorati e la giovanissima era diventata dipendente dai videopoker. Da lì la decisione di mandarla da una psicologa, a cui la vittima ha confessato tutto facendo partire la denuncia.

Ieri è arrivata la condanna: 9 anni di carcere, contro i 12 chiesti dall'accusa, e una multa da 90 mila euro. Micheletto dovrà inoltre versare 50 mila euro alla giovane vittima e 10 mila euro a ciascuno dei genitori, che si erano costituiti parte civile nel procedimento.

  • shares
  • Mail