Ragusa, Tipu Sultan ucciso a coltellate: fermato un collega incensurato

La vittima è stata uccisa con una coltellata al cuore.

omicidio portici


    Aggiornamento 19 agosto, 8.50: le forze dell’ordine hanno bloccato il presunto assassino del bracciante agricolo Tipu Sultan. Si tratterebbe di un collega dell’uomo, un cittadino romeno di 25 anni, che avrebbe già fornito una piena confessione. Il movente sarebbe da ricercare nella corsa ad accaparrarsi quei pochi posti di lavoro disponibili.

    I militari hanno anche sequestrato un coltello, presunta arma del delitto, e gli abiti sporchi di sangue indossati dal giovane al momento dell’arresto.

Omicidio in contrada Resinè, nelle campagne di Vittoria, in provincia di Ragusa, dove ieri è stato rinvenuto il corpo senza vita di Tipu Sultan, un 30enne originario del Bangladesh, ucciso con una coltellata al cuore.

Il corpo è stato rinvenuto nella giornata di ieri, ma soltanto in serata si è riuscito a identificarlo: il giovane, secondo l’ultima ricostruzione, lavorava come manovale nelle campagne di Vittoria ed è proprio nel settore agricolo che si stanno concentrando le immagini.

Il Corriere di Ragusa ipotizza che potrebbe trattarsi di un omicidio legato all’attività agricola che gli stranieri svolgono in quella zona, ma gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo.

Non si esclude alcuna pista, dalla lite finita in tragedia a una vendetta per questioni di lavoro. Quello che è certo è che il giovane è stato ucciso con una sola coltellata al torace, un fendente che è arrivato al cuore e non gli ha lasciato scampo.

Del caso si stanno occupando i carabinieri locali e il sostituto procuratore della Repubblica Federica Messina.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail