Marcianise: 10 arresti per la faida di camorra

Arresti tra i "Quaqquaroni" e i "Mazzacane" per due omicidi.


    Aggiornamento 12.58. Gli arrestati sono ritenuti responsabili dell'omicidio di Ferdinando Latino commesso a Marcianise il 14 febbraio del 2001 e di quello di Alessandro Menditti avvenuto a Recale (CE) nell'ottobre dello stesso anno. In dettaglio Antonio Bellopede, Antonio Raucci, Giuseppe Sparaco e Luigi Trombetta sono ritenuti responsabili dell’agguato in cui è stato ucciso Latino mentre Domenico Belforte, Camillo Antonio Bellopede, Michelangelo Amato, Pasquale Cirillo, Vittorio Musone, Gaetano Piccolo, Giuseppe Sparaco e Francesco Zarrillo sono accusati del delitto Menditti.

Operazione anticamorra della polizia di Caserta che dalle prime luci del giorno di oggi ha eseguito dieci provvedimenti restrittivi a carico di altrettante persone accusate di omicidio, aggravato dalle finalità mafiose.

I particolare gli arrestati sarebbero coinvolti a vario titolo in due agguati maturati nell'ambito della faida per il controllo delle attività illegali a Marcianise, centro di 40mila abitanti nel Casertano.


"L'attivita' investigativa ha consentito di individuare gli autori di due omicidi maturati nell'ambito della faida per il controllo delle attivita' illecite nel territorio di Marcianise (CE), tra i clan Piccolo - Letizia, detti "Quaqquaroni" ed il clan Belforte detti "Mazzacane"

si legge in una nota diffusa dalla questura.

(Nel video in alto: Clan Belforte, 9 arresti e sequestro da 16 milioni - 21 luglio 2014)

 marcianise

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail