Torino: 4 arresti per estorsione, indagini partite da omicidio Musy

Le indagini sono partite da un'altra inchiesta, quella per l'omicidio del consigliere comunale torinese Alberto Musy, ma nessuno degli arrestati oggi ha a che fare con quel delitto.

Aggiornamento 13:14. Francesco Furchì, il faccendiere già in carcere per l'omicidio di Alberto Musy, è coinvolto anche in questa inchiesta: l'uomo risulta indagato perché secondo gli inquirenti aveva contatti con il ritenuto capo della banda di esattori del pizzo arrestati oggi per una serie di estorsioni a un imprenditore. Nessuno di 4 arrestati è legato in qualche modo all'omicidio del consigliere comunale di Torino, ma questo filone d'indagine è emerso dall'inchiesta per quel delitto, in particolare dal fallimento di Arenaways (società in cui Furchì aveva degli interessi) considerato tra i possibili moventi dell'omicidio Musy. In manette sono finti oggi Vincenzo D'Alcalà, Massimilano Celico, Gjovalin Zoiza e Gaetano La Iacona.

Sono 4 gli arresti eseguiti questa mattina a Torino dalla polizia per le accuse di estorsione. Il pizzo sarebbe stato richiesto con modalità mafiose ai danni di attività commerciali della provincia.

Uno degli arrestati secondo gli inquirenti sarebbe affiliato a una cosca di 'ndrangheta. La banda del racket faceva base ed esercitava la sua attività illecita criminale soprattutto a Santena, nella zona sud-orientale del torinese.

Le indagini hanno preso le mosse dall'inchiesta per il delitto del consigliere comunale torinese Alberto Musy, vittima di un misterioso agguato a marzo del 2012 e morto a ottobre dell'anno scorso dopo 20 mesi di coma. Per l'omicidio è stato successivamente arrestato un uomo, Francesco Furchì che si proclama innocente. Il processo a suo carico è in corso.

Gli investigatori hanno comunque precisato che nessuno degli arrestati nel blitz di oggi è coinvolto con l'uccisione di Musy. Nell'operazione sono state eseguite anche una ventina di perquisizioni domiciliari.

(in aggiornamento)

A suspect (L) is carried in a police car

  • shares
  • Mail