UK: 660 arresti per pedofilia, coinvolti medici e assistenti sociali

Nuovo scandalo pedofilia in Gran Bretagna dopo le inchieste e gli arresti nel mondo delle celebrità. La NCA: nessun politico coinvolto.

Sono quasi 700 i presunti pedofili arrestati nel Regno Unito al termine di una inchiesta durata sei mesi. Le autorità hanno comunicato oggi i primi dettagli dell’operazione, specificando che tra le persone finite in manette figurano i nomi di medici, insegnanti, capi scout, persino di assistenti dei servizi sociali ed ex agenti di polizia.

Come nota la Bbc la quasi totalità degli arrestati era composta da insospettabili, senza precedenti di alcun tipo, anche in virtù della professione svolta. Solo 39 delle persone coinvolte nella maxi retata erano già note per reati sessuali.

La National Crime Agency (NCA) ha spiegato che dopo l’avvio delle indagini 431 bambini sono stati messi sotto protezione, 127 erano a rischio concreto e costante, e che nessun membro del parlamento o del governo è coinvolto.

Le accuse a carico degli arrestati vanno dal possesso di immagini pedopornografiche a gravi abusi sessuali su minori, violenze che sarebbero state compiute in patria e in Paesi del sud-est asiatico, dove alcuni degli indagati avrebbero ammesso di andare regolarmente.

Il ministro della giustizia Chris Grayling, ha detto:

"Chi inizia guardando le immagini su internet può fare qualcosa di molto peggio, questo è il tipo di operazione che è assolutamente vitale per la nostra società."

Phil Gormley, vicedirettore generale della NCA, ha aggiunto le indagini hanno riguardato Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord. Gli agenti, coordinati da una quarantina di investigatori, hanno eseguito oltre 800 perquisizioni ed esaminato 9.000 tra computer, telefoni cellulari e altri supporti informatici.

Police Investigate The Scene Where A Body Is Found In New Malden

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail