Sparatoria a Pasadena: uomo uccide tre persone, fermato da un negoziatore

Secondo le prime notizie, l’uomo, proprietario di casa, avrebbe colpito alcuni dei suoi inquilini

Da Pasadena, in California, arriva la notizia di un’altra strage compiuta da un uomo armato con un fucile semiautomatico e due pistole. John Izael Smith, 35 anni, ha ucciso tre persone e ne ha ferite altre due in un popolare quartiere della cittadina californiana, prima di ingaggiare un conflitto a fuoco con la polizia che lo ha successivamente obbligato ad arrendersi.

L’uomo, secondo quanto riferito dalle forze di polizia, sarebbe il proprietario di casa di alcune delle vittime, due uomini e una donna di età compresa fra i 20 e i 70 anni. Una delle vittime è un vicino che ha provato a intervenire per evitare il peggio, mentre i feriti sono un uomo e una donna. Dalle testimonianze si è appreso che Smith che il killer ha ucciso la prima persona in casa e, successivamente, ha sparato in strada.

Sia per quanto riguarda le tre vittime che per i due feriti resta da chiarire se le persone colpite fossero suoi obiettivi o malcapitati.

Dopo la strage Smith ha sparato sugli agenti intervenuti, prima di barricarsi dentro un appartamento. I poliziotti si sono riparati dietro le loro automobili e non hanno riportato ferite. L’uomo è stato convinto alla resa dopo una lunga trattativa con un negoziatore.

“È stato un giorno orribile per Pasadena. È una tragedia” è stato il secco commento del capo della polizia locale Philip Sanchez.

U.S. Capitol On Lockdown After Reports Of Gun Shots

Via | Los Angeles Times

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail