Pedofilia online: Italia ed estero, 50 persone individuate

La polizia postale di Venezia ha coordinato un'operazione internazionale ai danni di una rete di pedofili: 50 persone denunciate

La polizia postale di Venezia ha sgominato una rete di pedofili che agiva in Italia e in altri 11 Paesi. L'indagine è durata mesi ed è stato coordinata dal Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online, presso il Servizio polizia postale e delle telecomunicazioni di Roma. Una cinquantina di persone, sospettate di questo reato, sono state individuate.

L'indagine, diretta dal pm di Venezia Massimo Michelozzi, ha portato a 23 interventi della polizia di Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Belgio, Polonia, Messico, Argentina, Russia, Spagna, Repubblica Ceca e Italia, dove sono state effettuate 26 perquisizioni tra Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia e Toscana.

Sono stati passati al setaccio centinaia e centinaia di gigabyte da parte degli investigatori informatici. Varie migliaia i sequestri di immagini e di video di natura pedopornografica. A quanto pare, sono state trovate diverse foto raccapriccianti con protagonisti i minori. Le persone individuate sono state naturalmente denunciate da parte delle autorità.

Nelle prossime ore, verranno forniti ulteriori dettagli su un'operazione importantissima che conferma come le autorità italiane stiano intensificando la lotta alla pedofilia online. Fenomeno dilagante in occidente, ma soprattutto nei Paesi orientali.

Pedofilia online

  • shares
  • Mail