Roma: evasione fiscale da 13,5 milioni, denunciati amministratori società enogastronomica

Nel mirino della Gdf una società di Ostia attiva nel settore della gastronomia, caffetteria ed enoteca. Sequestrati beni e conti correnti.

Una presunta maxi evasione fiscale da 13,5 milioni di euro è stata scoperta a Roma a carico di una società attiva nel settore enogastronomico con sede nella frazione di Ostia.

Le indagini sono state condotte dalla Guardia di finanza che ha denunciato gli amministratori della società oltre a sequestrare beni immobili e conti correnti.

La società avrebbe nascosto al fisco oltre 13 milioni e mezzo di ricavi relativi alle vendite non presentando, dal 2007 in poi, le dichiarazioni annuali dei redditi. Inoltre viene contestata un'evasione dell'IVA per circa 1,2 milioni di euro.

I militari della finanza dopo le verifiche hanno accertato anche che sette persone lavoravano "in nero" per l'impresa, senza contratto e senza assicurazione.

Le Fiamme Gialle del 2° Gruppo di Ostia non trovando le scritture contabili obbligatorie e il resto della documentazione amministrativa su acquisti e vendite, hanno dovuto ricostruire il giro d'affari della società basandosi sulle caratteristiche e sulle condizioni di esercizio della stessa.

I nomi degli amministratori sono stai segnalati alla procura della Repubblica di Roma per le ipotesi di reato di omessa presentazione della dichiarazione annuale delle imposte sui redditi, dell'IVA e per gli omessi versamenti delle ritenute fiscali e previdenziali dei dipendenti.

I beni oggetto del provvedimento di sequestro sono un bar-tavola calda, nove immobili di pregio, e rapporti finanziari bancari e postali per un totale di circa 13 milioni di euro.

(Nel video in alto: Evasione fiscale, Arrestato imprenditore Romano - ottobre 2013)

Contraffazione Gdf

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail