Trapani, omicidio Maria Anastasi: l'amante del marito ha assistito al delitto

Continuano ad emergere particolari sull'omicidio di Maria Anastasi, la 39enne madre di due figli ed incinta di 9 mesi uccisa mercoledì nelle campagne di Trapani dal marito Salvatore Savalli, finito in manette nelle ultime ore.

Ad incastrare l'uomo, che aveva denunciato la scomparsa della moglie nel tentativo di farla franca, ci sono anche delle testimonianze importanti: quella dei due figli, che l'hanno descritto come un uomo molto violento che non si faceva problemi a vantarsi della sua relazione extra-coniugale, e quella della sua amante, Giovanna P., che ha confermato agli inquirenti di aver assistito all'omicidio.

La donna, sentita dagli inquirenti per oltre 20 ore, ha fornito elementi utili a ricostruire la dinamica del delitto. Intorno alle 19 di mercoledì i due coniugi sono saliti in auto insieme all'amante di lui e, dopo essere passati a comprare un decider per il digitale terrestre, si sono diretti in contrada Zafarana, nelle campagne di Trapani.

Lì, ha confermato l'amante, sarebbe scoppiata una lite tra i due coniugi ed i tre sarebbero scesi dall'auto. Scrive Canicattì Web:

Ad un tratto Savalli avrebbe aperto il portabagagli dell’automobile, preso una vanga e colpito, di spalle e al capo la moglie chè è stramazzata al suolo. Poi dopo aver preso dal bagagliaio una tanica con la benzina, avrebbe cosparso il corpo e appiccato il fuoco. […] Dopo la macabra esecuzione, Savalli e Giovanna P. sono risaliti in auto, ma prima di far rientro a casa, hanno effettuato numerose tappe lungo il percorso. Tappe che sono servite per occultare il telefonino della vittima (l’uomo aveva lasciato a casa, spenti, il suo e quello dell’amante), la vanga, la tanica di benzina e ogni altro oggetto che avrebbe potuto attirare sospetti. Un alibi e una messinscena che però erano già stati messi in dubbio dai familiari del fermato.

Parte del racconto è stato confermato dai due figli della coppia, che hanno 13 e 16 anni. I due bimbi hanno raccontato agli inquirenti di aver visto il padre uscire di casa con una tanica di benzina. Insieme a lui c'erano la moglie e l'amante.

In attesa di ulteriori sviluppi, Salvatore Savalli resta detenuto in carcere.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: