Milioni di euro sequestrati ai Casalesi: la storia di Giuseppe Setola

casalesi bkitz sequestro

Giuseppe Setola, uno che gli stessi colleghi camorristici ritenevano uno squilibrato, è il vero obiettivo dell'operazione in corso dall'alba tra San Cipriano d'Aversa e Casal di Principe. Per ora sono stati sequestrati beni immobili per milioni di euro: erano la cassaforte nella quale i clan investivano i profitti della loro imprenditoria criminale

Giuseppe Setola, una mira da superkiller del terrore, è ritenuto dal pool antimafia il regista della campagna di sangue dei nuovi Casalesi, affiliato all’ala stragista della camorra. Uno di cui persino l’ex socio, il pentito Luigi Diana, aveva detto a verbale: “Setola? Un violento, uno squilibrato”

Per il momento le forze dell'ordine hanno sequestrato una ventina di appartamenti, una coop di costruzioni, terreni, e anche un bar di Casal di Principe. Proprietario? Giuseppe Setola. Uno che aveva finto di essere cieco per farsi scarcerare, leggete questo pezzo d'archivio di Repubblica

Si era fatto passare per un detenuto quasi cieco. Così Giuseppe Setola, il superkiller ritenuto il capo del branco del terrore della Domiziana, il padrino in ascesa a cui il Viminale sta dando la caccia, fu scarcerato la scorsa primavera e alloggiato presso un centro clinico di Pavia. Da cui si allontanò. è ritenuto il regista della mattanza di questi mesi

Foto | Edidomus

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: