Senigallia, uccide il vicino di casa e poi si impicca

Un uomo di 60 anni ha colpito a morte il vicino di casa e si è tolto la vita impiccandosi nel capanno di fronte a casa. All’origine del gesto potrebbero essere stati i litigi quasi quotidiani fra i due uomini

carabinieridivicenza

Giovanni Colombo, un uomo di 60 anni, ha ucciso il vicino di casa, Giancarlo Olivi, a coltellate e poi si è impiccato in un capanno poco distante dal luogo del delitto. L’omicidio-suicidio è avvenuto nella serata di ieri nella frazione di Borgo Passera, a Senigallia, in provincia di Ancona. Non è ancora stato chiarito il movente che ha spinto Colombo a questo folle gesto, ma secondo le prime ricostruzioni di carabinieri e polizia, fra i due vi erano litigi quasi quotidiani per motivi banali.

Da questa difficile convivenza sarebbe scaturito l’omicidio compiuto da Colombo che ha aggredito il 62enne vicino di casa con un grosso coltello fino ad ammazzarlo. Colombo si sarebbe successivamente barricato nel capanno di fronte all’abitazione dove si sarebbe tolto la vita impiccandosi. Colombo è entrato in casa del vicino mentre la famiglia Olivi era intenta a cenare e si è diretto verso il vicino con il chiaro intento di ucciderlo. Dopo aver ucciso l’ex vigile del fuoco in pensione, l’aggressore, di origine milanese, si è tolto la vita. Quando i soccorritori del 118 sono giunti sul posto per entrambi non c’è stato più nulla da fare. La Procura di Ancona sta indagando sulla vicenda.

Via | Rai News

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail