USA, muore bimbo dimenticato in auto: il padre rischia la pena di morte

Il genitore nei giorni precedenti alla tragedia aveva fatto ricerche su internet sulla vita senza figli e su come non morire in carcere.

Un americano di 33 anni, Justin Ross Harris, originario dell'Alabama ma residente in Georgia, rischia la pena di morte per aver provocato la morte del figlio di 2 anni, lasciato per ore in auto sotto il sole.

Il giudice Frank Cox al termine dell'udienza che si è tenuta ieri a Marietta, capoluogo della contea di Cobb, ha detto:

"Si tratta di un possibile caso di pena di morte".

Secondo la polizia che ha ricostruito la vicenda il genitore lo scorso 18 giugno ha lasciato il figlio di appena 22 mesi per sette ore sotto il sole, il bambino era stato legato al seggiolino dell'auto.

Il padre si è giustificato dicendo di essersi dimenticato di portare il figlioletto al nido e di essersi ricordato che era rimasto in auto solo alla fine del suo turno lavoro. Ma gli investigatori non gli credono, sospettando che il genitore abbia lasciato di proposito il bambino in macchina.

Sempre nel corso dell'udienza di ieri infatti un poliziotto ha detto che in base agli accertamenti, Harris quel giorno ha inviato dei messaggi a sfondo sessuale e foto ad almeno sei donne, tra cui una di ragazza di 17 anni.

Inoltre sempre secondo le indagini nei giorni immediatamente precedenti alla tragica vicenda, Harris avrebbe fatto una serie di ricerche su internet sulla vita da single e senza figli e su come sopravvivere al carcere. L'uomo avrebbe anche guardato filmati di animali lasciati in auto sotto il sole e morti dopo una terribile agonia.

Secondo alcuni testimoni ascoltati Harris sarebbe invece un padre modello. Per ora il giudice ha lo ha lasciato in carcere, respingendo la sua richiesta di uscire su cauzione.

Schermata 07-2456843 alle 11.35.29

  • shares
  • Mail