Fermo, uccisa rapinatrice Rosa Donzelli: arrestati due complici

RapinaFrancescoCifola

Sono stati rintracciati in Campania i due complici di Rosa Donzelli, la rapinatrice rimasta uccisa lo scorso aprile durante un colpo alla gioielleria Ciofola di Monte Urano, in provincia di Fermo, per mano del proprietario dell'attività, il 51enne Francesco Cifola.

Raffaele Provvisiero, 48 anni, e Addolorata De Dominicis, 41, originari rispettivamente di Nola e di Camposano, già condotti nel carcere di Camerino (MC) in attesa di essere interrogati. Devono rispondere all'accusa di rapina e porto abusivo di armi. Manca all'appello una quarta persona, uno straniero non ancora identificato. Scrive Il Mattino:

Nel corso delle perquisizioni domiciliari nell'abitazione dei due arrestati a Porto Sant'Elpidio (Fermo), gli investigatori hanno trovato materiale utile alle indagini. La De Dominicis poi era in possesso di una pistola giocattolo priva di tappo rosso, che potrebbe essere compatibile con quella utilizzata nella rapina.



Rosa Donzelli, ne parlavamo qui, fu uccisa dal titolare della gioielleria, che fu colpito più volte alla testa ed immobilizzato con del nastro adesivo. E' stato l'arrivo di suo padre, Duilio Cifola, a dare una svolta alla rapina: i tre si sono avventati sull'anziano e il titolare è riuscito a liberarsi e a raggiungere la pistola che teneva nascosta sotto al bancone e ad esplodere tutti i colpi del caricatori contro i tre malviventi, uccidendo la rapinatrice.

Francesco Cifola risulta ancora indagato per eccesso di legittima difesa: la Procura di Fermo, salvo eventuali proroghe, ha tempo fino al 4 ottobre per chiudere l'inchiesta a carico dell'uomo. Ne sapremo di più nelle prossime settimane.

Foto | Il Resto Del Carlino

  • shares
  • Mail