Montreal, trovata testa in un parco: è dello studente ucciso dal “porno killer” Luka Magnotta?


Potrebbe appartenere a Jun Lin - lo studente cinese ucciso dal cosiddetto porno killer Luka Rocco Magnotta - la testa trovata ieri in un parco di Montreal dalla polizia.

Per averne la certezza si dovranno attendere gli esiti degli esami disposti, come detto dalla portavoce della polizia che ha anche precisato che è stata una soffiata a indirizzare gli agenti nel parco Angrignon. La testa è stata rinvenuta sulla riva di un lago a poca distanza dall’appartamento in cui secondo le indagini Jun Lin è stato ucciso a fine maggio.

La testa era l’unica parte non ritrovata del 33enne studente cinese (ne parlavamo qui) che per gli investigatori avrebbe avuto una relazione con l'attore porno. Magnotta è accusato di averlo ucciso con un rompighiaccio, di averne smembrato il corpo e di aver poi inviato parti del cadavere per posta a sedi di partiti a Ottawa e a due scuole di Vancouver.


Dopo la fuga in Europa e il suo arresto, il 4 giugno a Berlino, Magnotta si è dichiarato non colpevole delle accuse che gli vengono mosse - omicidio di primo grado, minacce al primo ministro, sfruttamento del sistema postale per la consegna di materiale osceno, indecente, immorale e volgare.

Il porno attore di 29 anni aveva pubblicato un video su internet in cui compiva atti sessuali con un cadavere smembrato, quello della vittima. In alcune immagini - visionate da chi indaga - Magnotta mangerebbe parti del corpo.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail