'Ndrangheta, arrestato il boss Nicola Pignatelli: si nascondeva a Santo Domingo

Il 43enne, ritenuto dagli inquirenti ai vertici della cosca Mazzaferro-Ursino-Aquino di Marina di Gioiosa Jonica, era ricercato per associazione di tipo mafioso e reati di droga.

E’ finita a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana, la latitanza del boss della ‘ndrangheta Nicola Pignatelli, a lungo presente nell’elenco dei 100 latitanti italiani più pericolosi stilata dal Ministero dell’Interno.

Il boss, latitante dal 2011, è stato localizzato a Juan Dolio, cittadina di poco meno di 3 mila abitanti a sud-est del Paese, e tratto in arresto dagli uomini del Servizio Centrale Operativo della Polizia in collaborazione con l’Interpol Roma e gli uomini della questura di Reggio Calabria.

Il 43enne, ritenuto dagli inquirenti ai vertici della cosca Mazzaferro-Ursino-Aquino di Marina di Gioiosa Jonica, era ricercato per associazione di tipo mafioso e reati di droga. Sulle sue spalle pende una condanna in primo grado a 13 anni e 6 mesi di carcere.

polizia

(nel video una importante operazione, risalente a tre anni fa, contro il potente clan Mazzaferro)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail