Sora, anziano ucciso a colpi di pietra e gettato nel fiume: arrestati due 50enni

Gli assassini sono due 50enni vicini di casa della vittima. Alla base del folle gesto ci sarebbero stati motivi passionali.

fiume-liri-sora

Barbaro omicidio a Sora, in provincia di Frosinone, dove un anziano di 78 anni, Mario Grossi, è stato massacrato a colpi di pietre da due vicini di casa di 50 anni, prontamente arrestati dalle forze dell’ordine.

Il cadavere dell’uomo non è stato ancora rinvenuto: è stato gettato nel fiume Liri e le ricerche sono ancora in corso da parte dei sommozzatori dei vigili del fuoco di Roma.

A dare l’allarme è stato un passante che ha notato due persone gettare un corpo nel fiume. Da lì le autorità sono riuscite a risalire all’identità dei due assassini, due operai di 50 anni, due vicini di casa dell’anziano, ora in manette con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

I due, secondo quanto ricostruito, avrebbero aggredito l’anziano per motivi passionali, legati a una badante straniera, l’avrebbero picchiato e finito a colpi di pietra prima di gettarlo nel fiume.

Le indagini e le ricerche del corpo continuano.

  • shares
  • Mail