Trani: processo per 5 dirigenti American Express, truffa e usura le accuse

Gli inquirenti: "tassi di mora usurari sui prestiti concessi con la Gold credit card"

La procura di Trani ha chiesto e ottenuto il processo per cinque tra dirigenti e funzionari di American Express, rinviati oggi a giudizio dal gup per la le accuse di truffa e usura ai danni di clienti della provincia di Barletta-Andria-Trani (BAT).

Le indagini hanno riguardato la concessione di prestiti realizzati con il rilascio di carte di credito tipo revolving, quelle che permettono di rateizzare il pagamento di quel che si è comprato.

Secondo gli inquirenti insieme ai prestiti concessi con la Gold credit card di American Express venivano praticati tassi di mora da strozzino.

Il processo è stato disposto per i dirigenti dell'area Prodotti carte e area compliance di American Express Daniele Di Febo e Melissa Peretti, mentre saranno sottoposti a giudizio immediato i funzionari Giglio Del Borgo, Massimo Quarra e Francesco Fontana.

L'inchiesta aveva preso le mosse quasi 6 anni fa dopo la denuncia di uomo di Molfetta che aveva contratto un prestito di 2.600 euro ma dopo aver saltato il pagamento di una rata mensile di 129,43 euro si era visto addebitare ben 686,54 euro: cinque volte e più la rata non pagata, per un tasso d'interesse di mora maggiore della soglia stabilita dalla normativa anti usura.

L'associazione dei consumatori Adusbef si è costituita parte civile nel procedimento, in compagnia dei clienti American Express che credono di essere stati truffati. Il gup di Trani Francesco Messina in udienza ha rigettato le eccezioni preliminari avanzate dai legali degli imputati in merito alla competenza della procura tranese.

(Nel video in alto: nuovo filone d'indagine sulle carte revolving - Trani, 23/09/2010)

Federal Government Grants American Express Bank Holding Status

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail