Vado: pazienti maltrattati in residenza sanitaria, 12 arresti (VIDEO)

Blitz della Gdf nella struttura “Vada Sabatia”. Operatori socio-sanitari in manette, incastrati dalle telecamere nascoste.

Aggiornamento 12:30. Gli operatori socio sanitari della struttura psichiatrica di Vado ligure arrestati rispondono ai nomi di Mirco Burattini, Marco Cichero, Mauro Gaetano, Vincenzo Cirillo, Elisabetta Cerisola, Stellina Cirillo, Eugenio Lucente, Daniel Negrea (romena), Luis Fernando Arevalo (ecuadoriana), Tatiana Coronel Hernandez (ecuadoriana), Mohammed Benerras (marocchino) e Flores Zegarra (peruviano).

Tutti e 12 risultano dipendenti della cooperativa Il Gabbiano di Toirano, sempre nel savonese. Alla conferenza stampa svoltasi poco fa presso il comando provinciale della Guardia di finanza ha partecipato anche il sindaco di Vado Attilio Caviglia.

Per nove degli arrestati si sono aperte le porte del carcere, agli altri tre sono stati concessi i domiciliari. Le indagini erano partite dopo alcune segnalazioni dei parenti dei ricoverati nel reparto che ospita pazienti affetti da patologie neurologiche e psichiatriche. Ad inchiodare gli operatori socio-sanitari alle proprie responsabilità ci sono le immagini riprese dalle telecamere nascoste piazzate nella struttura. L'inchiesta è stata coordinata dal sostituto procuratore Giovanni Battista Ferro.


Savona: maltrattavano pazienti neuropsichiatrici

La Guardia di finanza di Savona ha eseguito questa mattina 12 arresti a carico di altrettanti operatori socio sanitari dipendenti di una residenza sanitaria assistita della provincia di Savona, la “Vada Sabatia” del gruppo Segesta di Vado, in cui sono ospitati pazienti neuropsichiatrici.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal gip del tribunale di Savona su richiesta della locale procura della Repubblica dopo le indagini eseguite dai militari delle fiamme gialle del Comando provinciale.

(In aggiornamento)


  • shares
  • Mail