Belluno - Feltre, parroco sotto inchiesta: pagava il sesso con l'amante grazie ai soldi delle suore

Le 'sorelle' dell'asilo gli avevano affidato il denaro perché lo custodisse, ma lui lo spendeva per avere rapporti sessuali a pagamento con un marocchino.

Scandalo nel Bellunese

Un parroco di Belluno - Feltre è finito sotto inchiesta per estorsione nei confronti di un giovane marocchino, con il quale avrebbe intrattenuto da tempo una relazione sessuale a pagamento. Per pagare il giovane magrebino, il sacerdote usava i soldi che le suore del vicino asilo gli affidavano. Il vescovo della diocesi ha allontanato in fretta e furia il prete, non appena lo scandalo è venuto a galla, ufficialmente per "problemi di salute".

Ne parla oggi Il Gazzettino. Feltre è un comune di 20 mila abitanti, non lontano dal capoluogo Belluno. Una cittadina, insomma, in cui la gente fa in fretta a mormorare. E a sapere. Quello che desta maggiore scandalo, naturalmente, è il pagamento effettuato dal parroco grazie ai soldi che le 'sorelle' dell'asilo gli affidavano perché le custodisse, da buon uomo di chiesa.

Non è purtroppo l'unico episodio di sacerdoti che mettono da parte il loro voto di castità per intrattenere relazioni sessuali. Un parroco del Ravennate, infatti, nelle ultime ore è stato arrestato con l'accusa di aver avuto rapporti con alcuni minori. Il gip, nella motivazione dell'arresto, scrive addirittura che il prete "non aveva alcun freno".

Adescamento di minorenni e atti sessuali con minori: queste le accuse che hanno portato Don Giovanni Desio direttamente in carcere. Certo, nell'episodio di Feltre, non c'è l'aggravante dei rapporti sessuali con minori di 18 anni, ma forse è ancora peggio aver approfittato della buona fede delle religiose per poi spendere il loro denaro in una relazione torbida che, di amore, non aveva proprio nulla.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: