Omicidio a Livorno: 82enne strangola la moglie

Mauro Signorini ha strangolato la moglie Carla Barghini, la coppia si stava separando.

Ha strangolato la moglie all'apice dell'ennesima lite, poi ha tentato di togliersi la vita. Omicidio la scorsa notte a Livorno, dove un uomo di 82 ani, Mauro Signorini, ha stretto con un laccio di scarpe il collo della moglie, Carla Barghini, di 71 anni, fino a ucciderla.

Quando i carabinieri sono arrivati nell'abitazione della coppia hanno trovato l'uomo intento a predisporre un cappio, collegato a un avvolgibile di una finestra, che Signorini voleva usare per impiccarsi. Dopo che i militari lo hanno bloccato l'anziano si sarebbe limitato a indicare dove fosse il cadavere della moglie, sul letto, con i segni di strangolamento sul collo ben evidenti. Subito dopo il pensionato è stato portato in caserma e interrogato.

Secondo le prime informazioni marito e moglie dopo una vita passata insieme stavano per separarsi. I carabinieri sono stati allertati dal figlio della coppia, che sta a Roma, il quale aveva ricevuto una strana telefonata dal padre: l'uomo gli aveva detto della lite avuta con sua madre aggiungendo solo che dopo la donna si era sentita male.

Quando il figlio non è più riuscito a parlare con il padre, che non rispondeva al telefono, ha fatto il numero dei militari dell'Arma che hanno arrestato l'anziano con l'accusa di omicidio. Dietro il delitto pare ci fossero i timori dell'uomo di rimanere da solo dopo la separazione.

CRO CARABINIERI CONTROLLI  AL VOMERO P/a medaglie d'oro I SUD FOTO

(Nel video: Marina di Massa, uccide l'ex moglie e si suicida - ottobre 2013)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail