USA, uccide il figlio di 4 anni perchè pensa che sia gay: Jessica Dutro a processo

Alla base del folle gesto, è emerso nelle ultime udienze, c’era la convinzione della donna che il figlio fosse gay.

Sono agghiaccianti i particolari che arrivano dal processo che si sta celebrando in questi giorni in Oregon, negli Stati Uniti, a carico di Jessica Dutro, giovane madre accusata di aver ucciso il figlio di appena quattro anni, massacrato di botte nell’agosto 2012.

Alla base del folle gesto, è emerso nelle ultime udienze, c’era la convinzione della donna che il figlio fosse gay. Da qui, i maltrattamenti e, infine, l’aggressione costata la vita al piccolo, Zachary Dutro-Boggess, deceduto in ospedale dopo due lunghi giorni di agonia.

Il particolare è emerso dai messaggi che la donna aveva inviato su Facebook al suo fidanzato dell’epoca, Brian Canady, anche lui sotto processo, seppur con accuse minori.

Jessica Dutro aveva espresso qualche preoccupazione per il modo in cui il piccolo parlava e camminava, un modo di comportarsi che l’aveva convinta dell’omosessualità del bimbo e per questo, come scritto nei messaggi, Zachary Dutro-Boggess doveva essere punito.

Le violenze erano all’ordine del giorno, nei confronti del piccolo e degli altri due figli piccoli, ma quello che è accaduto nell’agosto di due anni fa è andato ben oltre i maltrattamenti che i bimbi erano costretti a subire giorno dopo giorno.

Jessica Dutro

Fondamentale per la ricostruzione dell’accaduto è stato il racconto della figlia di 7 anni della donna, che ha rivelato agli inquirenti come la madre si fosse accanita con violenza sul fratellino indifeso, fino a ridurlo in fin di vita.

Il tutto è avvenuto con la collaborazione del compagno della donna, che ha ammesso di aver sferrato un calcio all’addome del bimbo. La sua testimonianza gli ha permesso di evitare l’accusa di omicidio volontario ed è quindi finito sotto processo per manslaughter, accusa che corrisponde al nostro omicidio colposo.

La donna, invece, è accusata di omicidio e di aggressione di secondo grado.

Foto | Washington County Sheriff's Office

  • shares
  • Mail