Messina: sequestrati 150 chili di hashish, 3 arresti

Un anonimo catanese ha fatto beccare in flagranza di reato tre persone, arrestate sul traghetto arrivato a Messina. I nomi.

Un carico di hashish da 150 chili è stato intercettato e posto sotto sequestro dai carabinieri di Palermo grazie a una soffiata anonima.

La droga era su un'auto salita sul traghetto proveniente da Villa San Giovanni (RC) e diretto a Messina. A permettere l'arresto di tre persone, presunti corrieri, è stato un catanese che ha chiamato i militari dell'Arma di Palermo informandoli che a bordo di quel traghetto c'erano Eros Fonsato, 33 anni, Agatino Spampinato, 34, e Salvatore Bellia, 59, che avevano appunto il compito di trasportare la droga dalla Calabria alla Sicilia.

Il blizt è scattato ieri mattina all'alba, quando i carabinieri sono saliti sul traghetto arrivato a Messina. Dopo aver perquisito le due auto sulle quali viaggiano Fonsato, Bellia e Spampinato (una Bmw e una Volkswagen Passat) in quest'ultima è stato trovato l'hashish.

Lo stupefacente era nascosto in alcuni borsoni e suddiviso in centinaia di panetti per un peso complessivo di circa 150 chilogrammi. Se venduta al dettaglio la droga avrebbe prodotto guadagni illeciti per qualcosa come due milioni di euro.

Sulla Bmw viaggiavano Spampinato e Bellia, la Passat che trasportava il carico era invece guidata da Fonsato. La droga sequestrata si trova adesso nel laboratorio del Lass (Laboratorio analisi sostanze stupefacenti) dei carabinieri di Palermo per tutte le analisi del caso.

I tre arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti nel carcere palermitano dell'Ucciardone mentre le indagini proseguono per risalire ai gestori e ai canali di spaccio della giro di droga, per stabilire anche se della partita facessero parte clan mafiosi.

(Nel video in alto: maxi sequestro di droga nel mediterraneo da parte della Gdf - Pomezia 1 marzo 2014)

hashish

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail