Caso Giuseppe Uva, i pm Abate e Arduini rimossi dall'incarico: "Gli atti sono illogici"

Colpo di scena nel caso Uva dopo il rinvio a giudizio per due carabinieri e sei poliziotti: il procuratore di Varese Isnardi assume l'incarico

La famiglia di Giuseppe Uva, e in particolare la sorella Lucia, attendeva questa notizia da sei lunghissimi anni: il procuratore generale di Varese Felice Isnardi ha rimosso i pm Abate e Arduini dall'indagine sui fatti che portarono alla morte di Giuseppe Uva, il 14 giugno 2008.

Isnardi, che si è autoaffidato il fascicolo, sosterrà in udienza preliminare le accuse che il gip di Varese Giuseppe Battarino ha indicato nel respingere la richiesta di archiviazione avanzata dai due pm, l'11 marzo scorso. Da quel giorno infatti sul caso Uva sembra che la svolta, tanto attesa, sia finalmente arrivata: quel giorno il gip Battarino respinse in toto la tesi fino a quel momento sostenuta dalla procura di Varese (più che "pubblica accusa" il ruolo svolto è di "pubblica difesa" degli accusati), ordinando inoltre l'incriminazione dei due carabinieri e dei sei poliziotti per omicidio preterintenzionale, violenza privata, arresto illegale, abbandono di incapace.

uva

Il 20 marzo i pm Abate e Arduini hanno dovuto ottemperare all'ordine del gip, formalizzando l'incriminazione per gli agenti di pubblica sicurezza, e solo ieri era giunta la notizia della richiesta di fissazione dell'udienza preliminare.

Gli ultimi atti permessi ai due pm dalla procura, che questa mattina informa della sollevazione dall'incarico per Abate e Arduini: secondo il loro capo infatti i due avrebbero formulato le accuse, ma in un modo tale da costruire imputazioni deboli per illogicità e contraddittorietà.

La tesi che percorre i corridoi della procura varesotta è che i due, sui quali si vocifera (voci che stiamo verificando e che vi riportiamo con il beneficio del dubbio) un'imminente imputazione davanti al Csm. Parole al vento a parte, leggendo ciò che riportano gli atti ufficiali si scopre che il 21 marzo scorso il procuratore capo Isnardi questa convinzione:

"Il capo d'imputazione formulato non abbia rispettato le prescrizioni imposte dall’ordinanza del gip [...] che manifesti profili di illogicità e contraddittorietà rispetto al titolo dei reati ipotizzati."

parole gravissime scritte nero su bianco, che resteranno dunque negli annali della vergogna della giustizia (e dell'ordine pubblico) d'Italia; Isnardi spiega che tutto questo rende altamente probabile la richiesta di integrazione degli atti, restituendo il fascicolo alla procura e allungando, di molto, i tempi della giustizia (in Italia, va sempre ricordato, vige la prescrizione).
Prescrizione che, essendo i fatti risalenti a 6 anni fa, resta una possibilità più che concreta. Previsioni da palla di vetro a parte, resta oggi l'amaro in bocca per aver perso ben 6 anni per giungere alla verità in un procedimento gestito, lo abbiamo scritto anche noi di Crimeblog, in maniera decisamente opaca: abbiamo potuto ammirare tutti il trattamento riservato all'unico testimone oculare non in divisa, l'amico di Uva Alberto Biggiogero, interrogato per ore, con fare provocatorio e senza pause, a distanza di anni dai fatti, dallo stesso pm Abate.

"Ci sono voluti quasi sei anni [...] (Abete, nda) ha fatto di tutto - illegalità e abusi compresi - per impedire che si arrivasse alla verità giudiziaria su quella morte. [...] Era ora. Già troppi danni Abate ha fatto, innanzitutto alla verità e, poi, all'ordine giudiziario cui appartiene."

scrive in una nota il senatore, ed ex magistrato, Luigi Manconi del PD, che del caso Uva si è interessato approfonditamente, chiedendo conto alle istituzioni anche attraverso interrogazioni parlamentari e domande al ministro.

La revoca dell'incarico ai pm rappresenta la svolta definitiva, si augurano i familiari e gli amici di Giuseppe Uva, ma anche chi da anni chiede semplicemente verità e giustizia: ora tocca al gup dell’udienza preliminare, che dovrà decidere se disporre o no quel processo a carico di carabinieri e poliziotti invocato dai familiari di Uva.

  • shares
  • Mail