Omicidio a Trapani, ucciso l’imbianchino Pietro Monacò

Il cadavere aveva il cranio fracassato, la porta di casa era spalancata: pochi i dubbi sul fatto che si sia trattato di un omicidio.

Italian scientific police  collect evide

Omicidio ad Alcamo Marina, in provincia di Trapani, scoperto questa mattina in seguito a una telefonata anonima fatta al 113. Il corpo senza vita di Pietro Monacò, imbianchino in pensione, è stato scoperto nella sua abitazione in contrada Calatubo riverso in una pozza di sangue.

Il cadavere aveva il cranio fracassato, la porta di casa era spalancata. Pochi i dubbi sul fatto che si sia trattato di un omicidio, anche se al momento è difficile capire come siano andate le cose.

Gli agenti della polizia, che per primi hanno rinvenuto il corpo senza vita dell’uomo, sono ancora al lavoro sulla scena del crimine per tutti i rilievi del casi, con la speranza che l’assassino - o gli assassini - possa aver lasciato qualche traccia utile alla sua identificazione.

In parallelo si scava nella vita dell’uomo alla ricerca di elementi che potrebbero mettere gli inquirenti sulla giusta strada.

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail