Firenze, uccide la moglie malata di Alzheimer e si costituisce

L’uomo, per sua stessa ammissione, ha afferrato la moglie 88enne al collo e l’ha strangolata.

commissariato-firenze

Omicidio a Borgo Pinti, in pieno centro a Firenze nelle prime ore di oggi, quando un uomo di 83 anni, Giancarlo Vergelli, ha ucciso la moglie malata di Alzheimer si è costituito subito dopo, presentandosi in commissariato e confessando quando appena fatto.

L’uomo, per sua stessa ammissione, ha afferrato la moglie 88enne al collo e l’ha strangolata. Subito dopo ha raggiunto il commissariato di San Giovanni, in via Pietrapiana, e ha raccontato l’accaduto, indicando agli agenti l’appartamento in cui giaceva il corpo senza vita dell’anziana donna.

Gli agenti giunti sul posto intorno alle 8.30 non hanno potuto far altro che constatare il decesso della donna, Nella Burrini, e fermare il marito con l’accusa di omicidio.

Vergelli ha spiegato di aver ucciso l’anziana consorte perchè esasperato dalla malattia che l’aveva colpita.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: