Frate arrestato per estorsione a Roma

Il religioso è accusato di estorsione e ricettazione.

Arrestato con l'accusa di estorsione. Questa volta non parliamo però di un esponente di qualche clan mafioso ma di Padre Andrea, frate domenicano, finito in manette oggi a Roma perché avrebbe chiesto 150 euro per restituire un iPad alla legittima proprietaria.

L'uomo, ospite presso la Casa dei frati accanto alla basilica capitolina di Santa Maria Sopra Minerva, si sarebbe giustificato con i carabinieri dicendo che aveva comprato il tablet in un mercatino e che quindi voleva almeno riprenderci i soldi che aveva speso per l'acquisto, appunto 150 euro.

Dopo una perquisizione domiciliare nell'alloggio occupato dal frate i militari dell'Arma hanno però trovato:

"centinaia di oggetti di telefonia e informatica di dubbia provenienza".

Tutti comprati ai mercatini?

Frate arrestato ROma

Secondo i militari dell'Arma Padre Andrea avrebbe contattato la ragazza proprietaria del'Ipad proponendogli "l'affare" senza dire però di essere un religioso:

"Ho comprato un iPad in un mercatino, ritengo sia tuo. Sono disposto a restituirtelo, ma rivorrei i soldi spesi: 150 euro".


La ragazza, originaria di Napoli, ovviamente si è insospettita. Come faceva quell'uomo a sapere che il tablet fosse suo? La giovane ha così avvisato i carabinieri che hanno poi colto il frate con le mani nel sacco. Il Padre domenicano dopo l'interrogatorio è stato rimesso in libertà, rimane indagato per estorsione e ricettazione.

(Nel video: l'arresto a Roma di Padre Franco De Caminada - aprile 2013)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail