Bari, cocainomane prova a rapinare una banca ma muore d'infarto

Il tentativo di rapina verso le 10 del mattino alla Banca di Puglia e Basilicata.

Nella mattinata di oggi, lunedì 10 marzo 2014, verso le ore 10, nella filiale della Banca di Puglia e Basilicata in via Napoli a Bari c'è stato un tentativo di rapina da parte di Luigi Abbatantuono, 37enne padre di tre bambini, separato, ha tentato di compiere una rapina, ma è morto molto probabilmente per un infarto.

L'uomo era armato solo di un cacciavite e aveva con sé anche un'antenna con la quale ha fatto finta di avere una bomba e di essere pronto a farla esplodere se non avessero esaudito le sue richieste. Abbatantuono è entrato nell'istituto di credito come un qualsiasi cliente, ma cercando di coprirsi il volto con un paio di occhiali da sole e un cappellino con visiera.

Una volta entrato ha minacciato il cassiere di uno sportello, ma questi è riuscito a immobilizzarlo, aiutato da un cliente. Sono stati chiamati subito i carabinieri, ma quando sono arrivati hanno notato che il rapinatore era morto e quando sono arrivati i sanitari del 118 hanno solo potuto constatare il decesso perché ormai non c'era più nulla da fare per salvarlo.

Ora i carabinieri della sezione investigazioni scientifiche e quelli del nucleo investigativo del comando provinciale di Bari stanno conducendo le indagini per chiarire ogni punto dei fatti successi stamattina, ma è scontato che l'uomo sia morto per cause naturali anche perché sul corpo non sono stati riscontrati segni di violenza.

Il padre del rapinatore, Vito Abbatantuono, ha raccontato che suo figlio era un cocainomane e la sua famiglia aveva più volte chiesto aiuto alle forze dell'ordine perché stava dando numerosi problemi. Pare che di recente fosse stato ricoverato in ospedale, ma nessuno ha avvisato i famigliari.

Nel video un servizio di Tele Sveva, qui in basso un'immagine del luogo della tentata rapina tratta da Google Maps.

Tentata rapina a Bari muore il rapinatore

  • shares
  • Mail