Lecco, uccide a coltellate le tre figlie piccole: arrestata Edlira Dobrusci

La donna, ancora ricoverata in ospedale, ha confessato il triplice omicidio ed è stata fermata dalle autorità.

polizia-scientifica

14.40: Edlira Dobrusci, lo rendono noto le forze dell’ordine, ha ammesso di aver ucciso le tre figlie perchè disperata dalla situazione di povertà in cui si trovava, senza marito e senza soldi. Ha rivelato di aver agito perchè convinta che così avrebbe evitato alle bimbe una vita di disperazione. E sembra anche che il padre delle bambine, Bashkim Dobrushi, avesse deciso di separarsi dalla donna proprio a causa della sua depressione.

13.30: la 37enne, ancora ricoverata in ospedale, ha ammesso le proprie responsabilità nel corso dell’interrogatorio da parte delle forze dell’ordine ed è stata fermata con l’accusa di omicidio.

12.50: Il marito, padre delle tre bimbe, è stato rintracciato. Era partito ieri per l’Albania e sta già tornando in Italia. Non si esclude, dicono gli inquirenti, che tra le cause scatenanti del folle gesto della donna ci sarebbe stato anche il momentaneo allontanamento dell’uomo.

12.34: la donna, la cui identità non è stata diffusa, avrebbe fatto una prima ammissione, dicendo di esser stata lei, presa dalla disperazione, a uccidere le tre figlie e tentare il suicidio. Intanto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, nel corso dell’Intervista su SkyTg24, ha dichiarato:

Noi non daremo scampo a chi ha compiuto questo gesto efferato, inseguiremo l'assassino fino a quando non l'avremo preso e lo faremo stare in carcere fino alla fine dei suoi giorni. Convocherò tra poco i vertici della polizia. Troveremo chiunque sia stato. Ci riusciremo.

11.15: le condizioni della donna sembrano meno gravi di quanto diffuso in un primo momento. E’ sotto shock e ricoverata in ospedale, non in pericolo di morte. Intanto un parente della donna, residente a pochi passi dall’abitazione del massacro, è stato condotto in caserma per essere interrogato. Nei suoi confronti non è stata mossa alcuna accusa, pare probabile che gli inquirenti vogliano sentirlo come persona informata sui fatti.

11.00: la donna, 37 anni, si trova ricoverata in ospedale in gravi condizioni. Le forze dell’ordine fanno sapere che la famiglia veniva seguita da tempo dalla Caritas per via delle condizioni economiche disagiate in cui si trovava. Il padre delle bimbe risulta ancora irreperibile.

Agghiacciante tragedia familiare a Lecco, nel rione di Chiuso, dove tre bimbe di 4, 11 e 13 anni sono state trovate massacrate in casa. A lanciare l’allarme sono stati i vicini di casa, sconvolti dalle grida provenienti dall’abitazione della famiglia albanese.

All’arrivo dei soccorsi non c’era più nulla da fare: le tre bimbe erano in un bagno di sangue, sgozzate in camera da letto, anche se vista la scena del crimine è probabile che la bimbe siano state aggredite in varie parti dell’abitazione e raggiunte ed uccide nella stanza da letto.

In gravissime condizioni la madre, che secondo gli inquirenti sarebbe l’autrice del triplice omicidio. La donna, separata, avrebbe tentato di togliersi la vita subito dopo il folle gesto.

Il triplice omicidio è avvenuto intorno alle 6.30 di stamattina nell’abitazione della famiglia in corso Bergamo. Sequestrato in casa un grosso coltello da cucina sporco di sangue, probabilmente l’arma utilizzata dalla donna per sgozzare le figlie e tentare il suicidio.

Le forze dell’ordine stanno ancora cercando di rintracciare il padre delle bimbe, che vive in un’altra abitazione da quando si era separato dalla moglie.

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail