Amore Criminale seconda puntata del 7 marzo 2014: le storie di Barbara e Alessandra

La seconda puntata della nuova stagione è dedicata a due giovanissime donne che sono sopravvissute alla violenza dei compagni, li hanno denunciati, e fatti condannare.

Venerdì, in prima serata su Raitre, è andata in onda la seconda puntata della nuova stagione di Amore criminale, che è stata questa volta dedicata a due giovani donne che sono riuscite a salvarsi dal vortice di violenza in cui erano precipitate a causa dei loro compagni.

La prima storia raccontata è stata quella di Barbara, una ragazza che a soli 19 anni conosce Giuseppe, appena uscito di prigione, che riesce a conquistarla e che in poco tempo distruggerà la vita della giovane. Barbara è una ragazza di Savona cresciuta senza padre, andato via di casa quando aveva pochi mesi, e con una madre assente perché molto impegnata con il lavoro. Barbara cresce con la nonna, a cui è legatissima.

I primi tempi con Giuseppe, che è appena uscito di prigione, sono felici. Ma ben presto il ragazzo inizia a mostrarsi gelosissimo, a pretendere che Barbara non si trucchi più, non si faccia i capelli, non si vesta in modo carino, non si depili. Quando lei prova a ribellarsi sono botte.

amorecriminale

Giuseppe inizia a controllarla in ogni suo spostamento e le telefona in continuazione. Per Barbara è l'inizio di un incubo e sua madre cerca come può di aiutarla, senza però riuscirci. Dopo l'ennesima violenza, anche sessuale, la ragazza trova il coraggio di denunciarlo. E quando è tentata di ritirare la denuncia, è un poliziotto a farle capire che sta sbagliando, e che deve andare sino in fondo. Giuseppe viene arrestato e processato, condannato a 12 anni per violenza sessuale, lesioni e stalking.

La seconda è la storia di Alessandra, 28 anni. Appena maggiorenne va via di casa e si rende economicamente indipendente. Ha 25 anni quando conosce Filippo e se ne innamora. Inizialmente le cose vanno bene, tanto che lui si trasferisce da lei. Ma gradualmente Filippo la isola dalle amicizie e la riempie di bugie per nascondere la relazione con un'altra donna.

Quando Alessandra scopre il tradimento decide di chiudere la relazione, ma lui non vuole mollare la presa, tanto che la ragazza in piùdi un'occasione è costretta a chiamare la polizia. Ma il loro è un rapporti di tira e molla, e Alessandra non riesce mai davvero a separarsi da Filippo.

barbaraderossi

Lui riesce a farsi perdonare e i due tornano insieme. Alessandra rimane incinta e Filippo la chiede in mogli. I due fissano anche le data delle nozze, ma la ragazza ben presto scopre che lui la tradisce ancora, sempre con la stessa. Quando lei lo affronta, Filippo la picchia con violenza, anche se lei è incinta. Poi l'accompagna in ospedale, perché venga curata.

I medici cercano di convincere Alessandra a denunciare il compagno, ma lei evita. Quando tre giorni dopo scopre che il ragazzo ha da molti anni una fidanzata ufficiale, e lei è solo 'l'altra', lo manda via di casa. Ma lui inizia a tormentarla con telefonate, sms e appostamenti.

Ad Alessandra non resta altro che denunciarlo e attendere il processo. Ma nel frattempo perde la bambina che aspetta. Filippo in primo grado è stato condannato a due anni per stalking, lesione e sequestro. Si attende ora la sentenza di appello.

  • shares
  • Mail