Catania, droga: 24 arresti nell'operazione Camaleonte

A gestire lo spaccio a San Giovanni Galermo era un'intera famiglia: padre, madre e figlio. Guadagni fino a 15mila euro al giorno.

Blitz antidroga dei carabinieri del comando provinciale di Catania che la scorsa notte hanno notificato in città 26 provvedimenti restrittivi, smantellando un fiorente e redditizio spaccio "a conduzione familiare" nel quartiere di San Giovanni Galermo.

Per 24 degli indagati sono state emesse altrettante ordinanze di custodia cautelare: 17 erano già in carcere, 7 sono finiti agli arresti domiciliari, gli altri 2 se la sono cavata con l'obbligo di dimora.

Secondo le indagini a gestire il market degli stupefacenti, come fosse un normale attività economica, erano padre madre e figlio, che rispondono ai nomi di Giovanni Ventarolo, Graziella Fiamingo e Giuseppe Ventarolo.

Lo smercio della droga, cocaina e marijuana, avveniva presso la loro abitazione, in Via Capo Passero, o in strada, per un giro di affari di tutto rispetto stimato in 10-15 mila euro al giorno.

Nell'organizzazione ognuno ricopriva un ruolo preciso, e i pusher non si facevano problemi a spacciare per la vie del quartiere, anche in mezzo ai bambini che giocavano. In manette sono finite anche cinque donne accusate tra l'altro di nascondere la droga nella loro case, all'interno dello stesso stabile.

Il pm della procura di Catania Valentina Sincero ha sottolineato:

Il ruolo di spicco detenuto nell'organizzazione dalle donne che gestivano i rapporti con i fornitori e i pusher.

L'operazione - denominata Camaleonte - è scattata la scorsa notte dopo 11 mesi di indagini.

operazione camaleonte catania

Video via | Live Sicilia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail