Sibari: sacerdote ucciso a sprangate

Don Lazzaro, parroco di San Giuseppe di Sibari, è stato trovato in un lago di sangue davanti alla sua chiesa.

 ucciso parroco sibari

    AGGIORNAMENTO 14.24. Secondo le indagini don Longobardi di recente aveva ricevuto continue richieste di denaro da parte di una persona in corso d'identificazione, fatto di cui aveva informato i carabinieri e il vescovo. Il sacerdote negli ultimi tempi aveva anche sporto denuncia per un furto perpetrato nella canonica della chiesa. Vicino al cadavere dell'uomo è stato trovato il tubo di ferro usato per ucciderlo. Se la pista criminalità organizzata non ha mai preso piede, ora quella legata alla piccola delinquenza locale appare la più quotata.

Omicidio a Sibari, dove un sacerdote di 69 anni, Lazzaro Longobardi, è stato ucciso a colpi di spranga in testa. Il cadavere del religioso è stato trovato questa mattina all'esterno della chiesa di San Giuseppe di cui era parroco.

A fare la scoperta è stata una fedele che verso le 7:30 stava andando in chiesa. La donna ha poi dato l'allarme. Sul posto sono giunti i carabinieri e il medico legale. Da un primo esame cadaverico Longobardi sarebbe morto a causa della profonda ferita riscontrata al capo, che gli ha provocato una abbondante emorragia.

Don Lazzaro Longobardi da 43 anni svolgeva il suo ministero nella diocesi di Cassano allo Jonio (Cosenza). L'uomo sarebbe stato ucciso con una spranga di metallo: se davanti alla sua chiesa o in un altro luogo è quello che gli investigatori cercano di ricostruire.

Ma chi poteva volere la morte del prete? Secondo le primissime ipotesi circolate, e in attesa di conferme, l'omicidio sarebbe da collegare a un movente di natura privata, la criminalità organizzata o comune non c'entrerebbe nulla.

Presto a Sibari si è sparsa la notizia del delitto e davanti la chiesa di San Giuseppe, in viale Magna Grecia, si sono formati capannelli di parrocchiani che, scossi, non sanno capacitarsi dell'omicidio di don Lazzaro, molto popolare in città.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail