Messina: furti in casa e droga, 9 arresti. Coinvolto un agente penitenziario

In manette anche l'agente Salvatore Cutrupia. Le indagini e i nomi degli arrestati

ali baba messina

Sono in tutto 9 le persone finite in manette a Messina nell'operazione Alì Babà per la accuse, mosse a vario titolo, di corruzione, associazione a delinquere per la commissione di furti in appartamento, detenzione di armi e spaccio di droga.

Per sei degli arrestati, tra cui un agente penitenziario, è stata disposta dal gip la custodia cautelare in carcere, gli altri sono ai domiciliari.

L'agente della polizia penitenziaria finito nell'inchiesta, Salvatore Cutrupia, 38 anni di Milazzo, secondo gli investigatori si sarebbe fatto corrompere dietro un corrispettivo in denaro per introdurre droga in carcere.

Gli altri arrestati sono Antonio Bonanno, 31 anni, Pietro Ruggeri, 53, Stellario Fusco, 32, Filippo Bonanno, 33, i fratelli Giuseppe e Giovanni Fusco, di 31 e 24 anni, Emanuele Denaro, di 30, e Salvatore Rolla, 46 anni.

I primi 4 sono accusati di aver creato l'organizzazione finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio sgominata con gli arresti di oggi. Il bottino dei furti in casa, sempre secondo le indagini, veniva accantonato per acquisire attività commerciali, armi e droga. Il capo del gruppo secondo gli inquirenti della procura messinese era Pietro Ruggeri, S. Fusco e Bonanno compivano materialmente i furti. Ruggeri si occupava anche di mantenere economicamente le famiglie dei presunti ladri quando questi finivano dietro le sbarre.

I fratelli Fusco sono accusati di concorso esterno nell'associazione dedita ai furti. Denaro e Rolla invece avrebbero fornito all'agente la cocaina e la marijuana introdotte in carcere. Rolla dovrà difendersi anche dall'ipotesi di reato di estorsione: avrebbe minacciato con una pistola un negoziante per non pagargli la spesa.

Durante l'attività investigativa, come riporta su Tempo Stretto, la polizia ha recuperato parte della refurtiva in casa di alcuni degli indagati e armi da fuoco, un fucile e due pistole con matricola abrasa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail