Napoli: un altro cadavere carbonizzato a Grumo Nevano

È il terzo in meno di una settimana.


    AGGIORNAMENTO 13.50. Il cadavere carbonizzato scoperto oggi a Grumo Nevano (NA) nel vano posteriore di una Fiat Multipla non ha ancora un nome. Il macabro ritrovamento è stato fatto in una zona di campagna, in via Cupa, strada di collegamento tra Grumo Nevano ed Arzano. Questo è il quarto cadavere trovato bruciato in un'auto nelle ultime 2 settimane in provincia di Napoli. Due corpi sono stati trovati lunedì scorso a Caivano (Aniello Ambrosio, 42 anni, e Vincenzo Montino, di 30, ritenuti vicini al clan Cennamo, frangia dei Mottola) l'altro il 6 febbraio a Giugliano.

Un altro cadavere carbonizzato in un'auto data alle fiamme è stato trovato stamattina nell'area a Nord di Napoli, dopo i due corpi carbonizzati rinvenuti quattro giorni fa a Caivano in località Casolla.

Il cadavere trovato questa mattina, a Grumo Nevano, in via Cupa San Domenico, è di un uomo. Sul posto sono giunti i militari dell'Arma che stanno eseguendo i rilievi.

Lunedì sera a Caivano in un zona periferica erano stati trovati i corpi carbonizzati di due persone, secondo gli investigatori sono stati uccisi in un regolamento di conti per questioni di droga nel clan Cennamo.

Caivano in ogni caso sarebbe diventata una specie di succursale di Scampia, con alcuni gruppi di giovani legati agli Scissionisti che avrebbero cercato di estendere la rete dello spaccio, per ovviare alla pressione delle forze dell'ordine sulle piazze "di provenienza" per così dire.

I due cadaveri secondo Il Mattino sarebbero stati identificati, ma di nomi non ce ne sono, per ora si sa che si tratterebbe di due pregiudicati residenti nella zona tra Caivano e Acerra.

  • shares
  • Mail