Sant'Antimo (NA), pregiudicato ucciso in casa: era legato e imbavagliato

La vittima aveva precedenti penali per tentato omicidio e detenzione di armi, ma al momento non è chiaro se questo delitto sia da collegare al suo passato o meno.

polizia-scientifica

E’ giallo a Sant'Antimo, comune in provincia di Napoli, dove oggi è stato rinvenuto il corpo senza vita di Antimo Maggi, pregiudicato di 52 anni di cui si erano perse le tracce quattro giorni fa.

Il cadavere dell’uomo, legato e imbavagliato, è stato scoperto nella sua abitazione dal genero, che è passato a trovarlo dopo non esser riuscito a mettersi in contatto con lui da giovedì scorso.

L’appartamento era a soqquadro e tracce di sangue sono state rinvenute in varie parti della casa. Questo, insieme agli eventi segni di percosse rinvenuti sul cadavere, fa pensare a una colluttazione in cui Maggi ha avuto la peggio.

La vittima aveva precedenti penali per tentato omicidio e detenzione di armi, ma al momento non è chiaro se questo delitto sia da collegare al suo passato o meno. Del caso si stanno occupando gli agenti del commissariato di Frattamaggiore, alle porte di Napoli.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail