Gela, droga e violenze: 5 arresti nell'operazione Affari di famiglia

Minacce e violenze ai danni dei clienti che non erano puntuali con gli acquisti di droga.

Sono cinque le persone arrestate nella notte a Gela, in provincia di Caltanissetta, per le accuse di tentata estorsione, rapina, ricettazione, danneggiamento seguito da incendio e spaccio di stupefacenti.

In manette sono finiti Salvatore Morello, di 50 anni, Giovanni Rinzivillo, 25 anni, Fabio Mirisola, 20 anni, Klisman Rinzivillo, 20 anni, e Alessandro Di Fede, di 22.

Secondo le indagini della polizia di Gela gli arrestati oltre a dover rispondere delle ipotesi di reato contestate si sarebbero resi responsabili anche di violenze ai danni dei clienti che non pagavano con puntualità gli acquisti di droga presa a credito.

Il procuratore di Gela Lucia Lotti in conferenza stampa, stamattina, ha detto:


Gli arresti della scorsa notte confermano la difficile realtà sociale e il profondo disagio in cui versano le fasce giovanili di Gela. Noi possiamo arrestare chi viola la legge, impegnarci per garantire la legalità ma non possiamo risolvere i problemi sociali. Spetta alle istituzioni intervenire. Non si può far finta che il problema non esista nè lo si può scaricare alla magistratura e alle forze dell'ordine.


L’operazione, coordinata dalla locale procura, è stata denominata Affari di famiglia per i legami di parentela che intercorrono tra gli indagati. Le indagini erano partite dopo il ritrovamento di uno scooter che era stato sottratto con la forza a un ragazzo in modo da costringere un suo amico a pagare un debito di 800 euro derivante dall’acquisito di droga, tipo marijuana.

Il ciclomotore dopo esser stato dato alle fiamme venne abbandonato in via Calogero Zucchetto, nelle vicinanze dal commissariato di polizia di Gela, probabilmente per dimostrare che gli autori del gesto non temevano nemmeno le forze dell’ordine.

(Nel video caricato da TFN una delle ultime operazioni antidroga a Gela, con i 14 arresti per spaccio nel quartiere Baracche di fine settembre scorso).

  • shares
  • Mail