Foggia, cadavere di donna rinvenuto in un pozzo: c’è un indagato

Il cadavere, in avanzato stato di decomposizione, apparterebbe a una donna di circa 40 anni, forse una prostituta ucraina svanita nel dicembre scorso,

13.30: un uomo, la cui identità non è stata diffusa, sarebbe indagato per l’omicidio della giovane donna. La notizia non ha ancora trovato conferme ufficiali, ma arriva da ambienti investigativi. Si tratterebbe, sempre secondo le indiscrezioni, di un uomo residente a Troia, fermato per omicidio.

Macabra scoperta in un fondo agricolo di Troia, in contrada Staffio, a pochi chilometri da Foggia, dove il proprietario del fondo ha rinvenuto il corpo senza vita di una donna in fondo ad un pozzo.

Il cadavere, in avanzato stato di decomposizione, apparterebbe a una donna di circa 40 anni, forse una prostituta ucraina svanita nel dicembre scorso, ma saranno gli esami a confermarlo. Al momento il caso è avvolto dal più stretto riserbo, ma gli inquirenti hanno precisato che allo stato attuale nessuna ipotesi può considerarsi esclusa.

Sarà necessario identificare il cadavere, poi si dovrà procedere con gli accertamenti sulle modalità e tempistiche del decesso. Del caso si stanno occupando i carabinieri del posto.

  • shares
  • Mail