Mestre, Lida Taffi Pamio uccisa a coltellate: arrestata la vicina di casa

La 51enne, operatrice socio-sanitaria in un ospedale di Mestre, è accusata omicidio volontario aggravato e rapina.

C’è un arresto, a più di un anno di distanza, per l'omicidio di Lida Taffi Pamio, l'anziana di Mestre uccisa a coltellate nella sua abitazione il 20 dicembre 2012.

A finire in manette in queste ore è stata la vicina di casa dell’anziana, una donna di 51 anni, infermiera in un ospedale nel centro storico di Mestre. La donna, sospettata fin dai primi istanti, aveva sempre respinto ogni addebito, ma l’esame del DNA l’ha contraddetta.

La 51enne, infatti, è stata trovata in possesso di un capo di biancheria intima della vittima, sottratto all’87enne proprio in occasione del delitto. Oggi, a più di un anno da quel barbaro delitto - l’anziana fu uccisa con 40 coltellate - la Questura di Venezia ha eseguito l’arresto.

La presunta assassina, che avrebbe agito in seguito a dissapori con l’anziana vicina, è accusata di omicidio volontario aggravato e rapina, accusa relativa proprio a quel capo di biancheria intima.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: